mercoledì 2 agosto 2017

Il funerale del migrante annegato nel lago di Bolsena.

Oggi, 2 agosto 2016 si sono svolti a Montefiascone i funerali di un giovane rifugiato ivoriano, ospite di una struttura di accoglienza nella nostra città, deceduto per annegamento nel lago di Bolsena la sera del 31 luglio.

Il giovane, di nome Morientes, non era cristiano e non frequentava la nostra chiesa, a differenza di alcuni suoi amici che ormai frequentano assiduamente, ma, da quello che siamo riusciti a capire da loro, proveniva da una famiglia musulmana, pur non essendo un praticante.

La responsabile della struttura, appena dopo essere stata informata del decesso, ci ha chiesto di recarci presso di loro per confortare i ragazzi cristiani, evidentemente sconvolti dall'evento. L'abbiamo fatto, portando conforto sia ai nostri ragazzi che agli altri.

Ci è stato chiesto di partecipare al rito funebre, assieme all'imam di Viterbo e al parroco di Montefiascone.

Abbiamo discusso tra di noi un bel po' se accettare o meno, perché non volevamo alimentare la falsa teoria panteista che "tutte le religioni portano a Dio".

Alla fine abbiamo sentito che la cosa giusta da fare era stare vicino a quei nostri ragazzi che vengono con fedeltà tutte le domeniche (tre dei quali li abbiamo battezzati un paio di settimane fa proprio nel lago dove è annegato Morientes), di supportarli nella loro disperazione essendo vicini in preghiera e fisicamente.

Paola, la responsabile del centro, ci ha rassicurato che non sarebbe stata una "co-celebrazione", ma che ognuno dei gruppi partecipanti, musulmani, cattolici ed evangelici, avrebbero avuto il loro spazio autonomo.

E' stato difficile pregare sulla bara di un giovane che sappiamo probabilmente vedrà il giudizio, evitare di illudere i nostri giovani che, in fondo, anche l'amico che non conosceva Gesù sarebbe stato salvato assieme a loro. Ma i loro sguardi, i loro abbracci, il loro cercarci ci ha fatto capire che il Signore ci aveva indicato la via giusta, che eravamo nel posto giusto e nel momento giusto della Sua volontà.

Egli è in controllo di ogni cosa. Egli comanda. Egli sceglie. Noi siamo solamente i suoi strumenti.

Past. Marco

Questo è il passo che abbiamo usato durante la cerimonia:

"Quando qualche straniero abiterà con voi nel vostro paese, non gli farete torto. Tratterete lo straniero, che abita fra voi, come chi è nato fra voi; tu lo amerai come te stesso; poiché anche voi foste stranieri nel paese d’Egitto. Io sono il Signore vostro Dio." (Levitico 19:33-34)

















---

IL VIDEO DELLA CERIMONIA FUNEBRE







Ringraziamo TusciaWeb , ViterboNews24 e Il Messaggero per le foto ed il filmato della cerimonia (cliccando sui titoli delle testate troverete gli articoli originali).


Nessun commento:

-- Visite sul sito dal 01.11.2008 --- Leggi le informazioni sull'uso dei cookies